COMUNICATO SOSPENSIONE ATTIVITA’ DIDATTICHE – Coordinamento Asacom Regione Sicilia

A seguito del provvedimento della sospensione delle attività didattiche nelle Scuole di ogni ordine e grado, come da DPCM del 04/03/2020, migliaia di operatrici/operatori che svolgono la funzione essenziale di assistenti all’autonomia e alla comunicazione in favore degli alunni con disabilità, si trovano ad affrontare una situazione che non è azzardato definire “ drammatica”. Le lavoratrici ed i lavoratori Asacom, categoria già di per sé fortemente penalizzata dal punto di vista retributivo ed economico, si trovano senza alcuna garanzia di continuità salariale, ma soprattutto senza alcuna forma di “ammortizzatore sociale” atto a fare fronte alla sospensione del lavoro, come diversamente accade nel nostro Paese per tutta una serie di lavoratori, e ciò in evidente violazione del diritto al lavoro, alla giusta retribuzione per garantire un’esistenza libera e dignitosa, ai sensi dell’art. 36 della nostra Costituzione e dell’art. 38, che garantisce che a tutti i lavoratori siano previsti e garantiti mezzi adeguati in caso di disoccupazione involontaria. Il Coordinamento Asacom Regione Sicilia, denunciando già da mesi le condizioni di gravissima precarietà dei professionisti preposti all’assistenza specialistica, interloquendo con le Istituzioni regionali al fine di concertare possibili soluzioni a tutela della suddetta categoria, oggi più che mai, ribadisce l’estrema necessità di un sistema di gestione ed erogazione del servizio di assistenza all’autonomia e alla comunicazione che preveda regole chiare e definite, in primis l’effettiva e pedissequa applicazione del CCNL di categoria. Le conseguenze sopraesposte della sospensione delle attività didattiche di questi giorni, dunque, non sono che la punta di un iceberg rispetto la complessiva condizione lavorativa di una categoria di lavoratrici e lavoratori, che noi definiamo invisibili. Si chiede che anche AGLI ASSISTENTI ALL’AUTONOMIA E ALLA COMUNICAZIONE VENGA GARANTITA PARI DIGNITÀ SOCIALE. Pertanto, nella fattispecie, ritenuto oltretutto che trattasi di risorse economiche per il finanziamento del servizio già destinate agli Enti locali, il Coordinamento Asacom Regione Sicilia chiede alle Istituzioni regionali GARANZIA DI CONTINUITÀ SALARIALE DELLE LAVORATRICI E LAVORATORI ASACOM E LA RETRIBUZIONE DI QUESTE GIORNATE DI SOSPENSIONE INVOLONTARIA DELL’ATTIVITÀ LAVORATIVA.

 

Email: c.asacomregionesicilia@gmail.com

Cell: 346 9546665 – 347 3692733 – 320 7419452 – 334 6339470