Ricorso CEDU – scadenza 05 marzo 2018

A seguito delle numerose richieste di riapertura dei termini e avendo predisposto tutte le istruzioni e l’iter necessario per la presentazione del ricorso alla Corte Europea dei Diritti Umani contro la L. 107/2015 e gli atti successivi ed applicativi, ritenendo che la riforma della c.d. Buona Scuola abbia violato i principi contenuti nella Convenzione Europea per la Salvaguardia dei diritti dell’uomo e delle libertà fondamentali, quali il diritto al rispetto della vita privata familiare e il divieto di discriminazione, Osservatorio Diritti Scuola (ODS) invita tutti i docenti interessati a partecipare al secondo procedimento, avendo prorogato il termine al 5 marzo 2018.

Il ricorso sarà patrocinato dallo studio legale dell’Avv. Rosanna Mangiapane, con sede in Palermo, via Marche n.45 e dallo studio legale dell’Avv. Giuseppe Minissale con sede in Messina, Via Dogali n.1/A, is. 222.

In questi giorni centinaia di insegnanti, che avevano già aderito attraverso ODS entro l’11 febbraio alle prime batterie di ricorsi, stanno ricevendo via mail le istruzioni definitive per la compilazione del modulo ricevuto dalla Corte Europea dei Diritti dell’Uomo.

Nel frattempo solo 2 ricorrenti CEDU rispetto ai circa 200 ricorsi già inviati entro il 2017, hanno ricevuto riscontro dalla Corte con la quale il ricorso, senza entrare nel merito, viene dichiarato inammissibile. La ragione del rigetto in questi soli due casi è motivata per il mancato esaurimento dei ricorsi interni presso la Giustizia italiana e da subito avevamo sempre chiarito che questo è un punto di debolezza dell’azione.

Tra le indicazioni fornite dagli avvocati Minissale e Mangiapane ai ricorrenti va però ricordato che è stato motivato il ricorso diretto alla CEDU, regolamentato e previsto dal Trattato, in ragione proprio della lunghezza dei tempi della giustizia italiana e della lesione quotidiana dei diritti garantiti dalla Carta; il tutto fornendo i precedenti già decisi dall’Organo Europeo.

È fatto noto che la maggior parte dei ricorsi viene dichiarato inammissibile, tuttavia nessuna strada è preclusa al momento, atteso che, proprio in ragione dell’altissimo numero di ricorsi proposti, la Corte potrebbe mutare il proprio orientamento. Proprio per questo motivo riteniamo utile la più ampia partecipazione al ricorso.

Come già ampiamente spiegato in sede di avvio della procedura, anche laddove uno soltanto dei ricorsi si ritenesse ammissibile, la decisione della Corte, se favorevole, ricadrebbe sullo Stato italiano e non sui singoli ricorrenti.
Nella richiesta di adesione tutto ciò è ben argomentato e a coloro che ci hanno contattati per le vie brevi è stato comunicato lo scopo della scelta di un’azione cumulativa e non collettiva. Avv. Rosanna Mangiapane – Avv. Giuseppe Minissale

ISTRUZIONI PER L’ADESIONE

  1. Inviare al seguente indirizzo mail osservatoriodirittiscuola@gmail.com entro il 05.03.2018  i documenti in appresso indicati:

         SCHEDA-DATI-PERSONALI

  • documento di riconoscimento
  • ricevuta del bonifico di euro 30,00 indicando come causale “quota annuale 2018 progetto ODS ed il proprio nominativo”, da effettuare sul conto corrente di Banca Etica intestato ad “Associazione Moto Perpetuo Onlus”avente IBAN 
  • Ricevuta debonifico di € 50,00 indicando come causale “adesione ricorso CEDU MARZO 2018 ed il proprio nominativo”, da effettuare sul conto corrente di Banca Etica intestato ad “Associazione Moto Perpetuo Onlus”, avente stesso IBAN.
  • contratto-di-adesione-ricorso-cedu firmato, da restituire scansionato per essere inviato allo stesso indirizzo mail.
  • Atto-di-nomina-ricorso-cedu firmato, da restituire scansionato per essere inviato allo stesso indirizzo mail.
  1. Ricevuti i documenti di cui sopra Vi verrà inviata sulla Vostra posta elettronica, nella seconda decade di MARZO 2018, la lettera propedeutica per l’instaurazione del giudizio alla CEDU che va compilata con i vostri dati personali e SOTTOSCRITTA IN ORIGINALE;
  2. Alla lettera propedeutica firmata (fatene anche una fotocopia o una scansione) occorre allegare:
  • la copia del documento di identità,
  • l’atto di nomina del legale,
  • gli allegati indicati in calce alla lettera propedeutica che vi invieremo;
  1. La suddetta lettera firmata in originale, unitamente agli allegati di cui sopra, dovrà essere inviata da Voi alla Corte a mezzo posta raccomandata 1 con ricevuta di ritorno (quella che arriva in 24 ore) al seguente indirizzo: Corte Europea dei Diritti dell’Uomo presso il Consiglio d’Europa, F-67075 – Strasbourg Cedex, France;
  2. La ricevuta della raccomandata dovrà essere custodita in originale e successivamente consegnata allo studio legale, unitamente ad una copia della lettera propedeutica compilata e sottoscritta.
  3. Infine saranno inviate via mail le istruzioni di compilazione del formulario che riceverete da parte della Corte Europea dei Diritti dell’Uomo.

Al Ricorso CEDU possono aderire anche i docenti che abbiano già inviato (senza l’assistenza di ODS) la lettera propedeutica ed abbiano già ricevuto il formulario.

In questa ipotesi, i predetti docenti dovranno trasmettere, via mail e all’indirizzo osservatoriodirittiscuola@gmail.com

  • SCHEDA-DATI-PERSONALI
  • documento di riconoscimento
  • ricevuta del bonifico di euro 30,00 indicando come causale “quota annuale 2018 progetto ODS ed il proprio nominativo”, da effettuare sul conto corrente di Banca Etica intestato ad “Associazione Moto Perpetuo Onlus”avente IBAN 
  • Ricevuta debonifico di € 50,00 indicando come causale “adesione ricorso CEDU MARZO 2018 ed il proprio nominativo”, da effettuare sul conto corrente di Banca Etica intestato ad “Associazione Moto Perpetuo Onlus”, avente stesso IBAN.
  • contratto-di-adesione-ricorso-cedu firmato, da restituire scansionato per essere inviato allo stesso indirizzo mail.
  • Atto-di-nomina-ricorso-cedu firmato, da restituire scansionato per essere inviato allo stesso indirizzo mail. 

Successivamente riceveranno, sempre via mail, l’atto di nomina controfirmato dall’avvocato e le istruzioni per la compilazione del formulario già ricevuto da parte della Corte Europea dei Diritti dell’Uomo.

Non sono previsti in nessun caso nè richiesti costi aggiuntivi. 

P.S. Il versamento della quota annuale di iscrizione ad ODS darà a tutti i docenti la possibilità di aderire altresì solo su base volontaria al Ricorso avente ad oggetto  il riconoscimento per intero ai fini giuridici ed economici del servizio preruolo e il ripristino dei gradoni stipendiali già eliminati. Il costo di tale ricorso per gli iscritti ad ODS è di euro 150,00; per i non iscritti è di euro 250,00.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: